Tor Carbone (1968 – 2018): PRIMO PREMIO “ALESSANDRO NARDUCCI”

Giovedì 2 maggio, presso la Sala di Villa Convitto della sede centrale di Tor Carbone, sono stati individuati i vincitori della Prima Edizione del Premio “Alessandro Narducci”. Presentato nel mese di novembre del 2018, il Premio, fortemente voluto dalla Dirigente Cristina Tonelli, curato e organizzato dal prof. Giuseppe Varone in intima e proficua collaborazione con i genitori del giovane chef scomparso tragicamente nel mese di giugno del 2018, Alessandra Gerace e Maurizio Narducci, ha riscontrato un notevole successo: nella sua prima edizione esclusivamente interno e aperto a tutti gli indirizzi dell’Istituto – Enogastronomia, Prodotti dolciari, Sala e Vendita e Accoglienza turistica – ha riscontrato un elevato numero di iscrizioni da parte di studenti di tutti e tre i plessi. Come ogni concorso che si rispetti, ovviamente, una prima selezione è stata rappresentata dalla ideazione e realizzazione di un prodotto e/o progetto, da presentare dettagliatamente entro il mese di aprile 2019. Questo ha determinato che nella dinamica giornata del 2 maggio complessivamente sono stati valutati i prodotti di 15 finalisti. Un ruolo chiave, in questo senso, tanto nella preparazione quanto nella performance, è stato svolto dai docenti tutor – Alessandra Boglione, Pasquale Caprarelli e Layla Pera – come altrettanto importante e determinante è stato quello dei membri della giuria, composta, oltre che dalla Dirigente Cristina Tonelli e dai genitori dello chef, Maurizio Narducci e Alessandra Gerace, anche da Riccardo Cocco, Debora Di Claudio, Daniele Lippi e Andrea La Caita. Una mattinata intensa, quella del 2 maggio, durante la quale i ragazzi si sono messi in discussione, con passione, originalità, studio, ma anche con timidezza, timore e sana ambizione. La giuria ha osservato, ascoltato e degustato con atteggiamento critico, costruttivo, senza elemosinare complimenti e valutazioni negative, con momenti di puro scambio dialettico e tecnico, roridi di cordialità, armonia e rispetto.

I vincitori del premio sono Michelle Pisciotta, per l’indirizzo di Sala e Vendita – premio questo titolato a Giulia Puleio, la giovane collaboratrice per il servizio di Sala presso il ristorante diretto da Alessandro, insieme a lui scomparsa nell’incidente – Anne Nicole Manibo, per l’indirizzo di Accoglienza turistica, Aurora Esposito, per l’indirizzo Prodotti dolciari ed Elena Casucci, per l’indirizzo di Enogastronomia.

Accolti dal pergolato di Villa Rossa, a ciascun candidato finalista è stato consegnato un attestato di partecipazione, mentre ai primi classificati è stata consegnata una targa discorsiva, un buono spesa presso un rivenditore di prodotti per la professione, un bonsai di ulivo – pianta cara ad Alessandro, per la sua bellezza e il suo significato – e un periodo di stage presso il ristorante stellato Acquolina, nel centro di Roma.

Il Premio è stato nel suo insieme una sfida, un momento di crescita e soprattutto, per tutti, una straordinaria lezione di umanità. Ammantano l’animo le lacrime di un genitore che piange la scomparsa del proprio figlio e le parole pronunciate con emozione scalfiscono anche la pietra, tuonanti con un’eco interminabile: “Ragazzi… non smettete mai di cercare, di conoscere… non fermatevi mai! Credeteci sempre!”. E con il ritmo incalzante dei musicisti del Conservatorio Respighi di Latina, nel giorno del compleanno di Alessandro, il 2 maggio, solo sorrisi come a tracciare barlumi di speranza: nessuno scompare fino a quando resterà vivo in noi.

 

- LA FOTO GALLERY

AREA RISERVATA

scuolanext

Registro elettronico

Accesso Famiglie
Il Codice Scuola da inserire insieme alle credenziali già
fornite è il
seguente: SG20135
Accesso Docenti

Amministrazione Trasparente

amministrazione trasparente

Albo Pretorio on line

albo on line


Vai all'inizio della pagina